Wiltshire 1876 – 1954

Vera Waddington pittrice che ha operato in Liguria

Vera Waddington figlia minore del generale Thomas Waddington, trascorse con la famiglia i primi anni in India.
Successivamente, seguì la famiglia a Friburgo in Germania, dove compì gli studi liceali mostrando notevole passione e talento per il disegno e la pittura.
I suoi taccuini illustrati mostrano fin dalla tenera età la sua passione e il suo talento per il disegno e la pittura. 
Nel 1892 tornò in Inghilterra stabilendosi  a Pangbourne nel Berkshire, determinata ad essere un’artista indipendente.
Per questo ottenne dal padre il consenso di frequentare a Londra le lezioni presso la Reading School of Art. Nel frattempo viaggiò molto in Europa per visitare le principali Gallerie d’Arte.
Vera era determinata a essere un’artista indipendente professionista che frequentava le lezioni alla Reading School of Art e viaggiava molto in Europa per visitare le principali gallerie.
Nel 1903,  già tecnicamente esperta, iniziò a frequentare  saltuariamente la Slade School of Art in Londra, dove nel 1908  completò il suo corso. A seguito di successive visite allo Slade, conobbe Duncan Grant, Virginia Wolf e Vanessa Bell.
Nel 1908 completò il suo corso con notevole distinzione e premi lodata dal suo insegnante Henry Tonks.
La sua prima mostra personale , tenutasi alla Carfax Gallery di Londra nel dicembre del 1910, fu il risultato di viaggio in Cina , intrapreso nel 1909-10.
Sperimenta con la sua tecnica, dipingendo pannelli decorativi dalle sue osservazioni a Tangeri, che furono esposte per la prima volta al New English Art Club nel 1911,  in sintonia con i significativi cambiamenti estetici e tecnici nella pittura prodotti sia dai suoi contemporanei che dall’Europa continentale. 
Ammirava i post-impressionisti e in particolare il lavoro di Cézanne, tuttavia, invece di produrre pastiche del loro lavoro, ha mantenuto una linea indipendente scegliendo di sviluppare il suo stile in una varietà di media tra cui olio, acquerelli, incisioni su legno, incisioni su linoleum e calligrafia e illuminazione.

Dopo la guerra progettò il memoriale di guerra di Pangbourne.
Vera Waddington durante gli anni ’20  ebbe un periodo altamente creativo trascorrendo molti mesi dell’anno all’estero principalmente in Italia, dipingendo con oli e acquerelli, documentato è un suo periodo di frequentazione della Liguria,  lungo la Riviera di Ponente, e’ stata ospite del Collegio di Suore a Diano Marina tra il1923 ed il 1925 dove strinse amicizia con la signora Teresa Ardizzone anche essa pittricee poi frequenti soggiorni a Garessio, all’epoca rinomata stazione termale.
E’ documentato anche, dal 1921, un suo lungo soggiorno a Mentone con il padre e la sorella.
Ha esposto regolarmente al New English Art Club e al Women’s International Art Club, anche al Friday Club, alla Royal Academy, alla Goupil Gallery, al Paris Salon e in varie gallerie provinciali, contribuendo a oltre 120 mostre nel corso della sua vita professionale .
Verso la fine degli anni 1920 imparò l’arte della xilografia da Eric Fitch Daglish , presentando una mostra personale di incisioni su legno e acquerelli alla Claridge Gallery nel 1929, oltre ad esibirsi all’Art Institute di Chicago.
Ha tenuto un’ulteriore mostra personale alla Goupil Gallery nel 1939 e ha continuato a produrre incisioni su legno e tagli di lino.
Muore nel 1954 a seguito di un incidente stradale.

Galleria