Trieste 1881 – Sanremo (IM) 1964

Farfa Vittorio Osvaldo Tommasini pittore che ha operato in Liguria

LIGURIA E DINTORNI | Farfa e il futurismo all'Antico Teatro Sacco ...

Farfa Vittorio Osvaldo Tommasini debutta nel 1910 alla Serata fu­turista tenuta a Trieste al Politeama Rossetti.
Nel1919 in­contra Filippo Tommaso Marinetti e nel 1924 è presente alla prima mostra di Avanguardia a Torino
In quella città, nel 1925, partecipa alla Mostra futurista. Entra in contatto con Fillia e Pippo Oriani, con i quali fon­da il Gruppo futurista torinese.
Dal 1928 al 1958 vive a Savona.
Insieme a Tullio d’Albiso­la costituisce Il Gruppo futurista ligure .
La sua produzio­ne ceramistica è di primissimo piano e assai importante nel­lo sviluppo del futurismo crepuscolare.
Scrive Germano Beringheli: “Eccentrico personaggio dal molti interessi Farfa si dedicò soprattutto alla poesia, ma anche la sua pittura di moduli futuristi si inserisce assai be­lle in quel movimento che tanto clamore suscitò ad Albi­sola e a Savona negli anni Trenta”
Le sue opere, negli ultimi anni, sono entrate nel grande circuito dell’arte nazionale e internazionale.
Farfa Vittorio Osvaldo Tommasini figura ancora tutta da studiare, autore di opere letterarie di grande interesse, poeta e raffinato “cartopittore”, Far­fa e stato il più significativo esponente artistico del suo tem­po a Savona.
Uomo dal tratti Imperscrutabili, fu Intellet­tuale a tutto tondo e creativo fino agii ultimi anni di vita.
Le sue ceramiche degli anni Cinquanta, pur non più assi­milabili alla temperie futurista, restano tra le cose più innovative e interessanti del periodo.
Farfa Vittorio Osvaldo Tommasini elaborò un linguaggio visivo essenziale nelle ceramiche, nella grafica pubblicitaria e, soprattutto, nelle sue “cartopitture”, originale applicazione della tecnica del collage.
Tra le raccolte di versi: Noi miliardario della fantasia (1933); Poema del candore negro (1935).

Galleria