Cambiaso

Genova 1811-1894

Pasquale Domenico Cambiaso pittore ligure

Pasquale Domenico Cambiaso frequentò l’Accademia Ligustica di Genova prima di trasferirsi a Parma e poi a Napoli per completare gli studi; quivi ebbe contatti con la “Scuola di Posillipo”, ed in particolare coi pittori  A.Vianelli, G. Gigante, R. Carelli, che mirava a riformare il paesaggismo settecentesco.
Rientrato a Genova si dedicò alla pittura vedutistica, dipingendo i luoghi più caratteristici della città e della riviera, fissando con grande maestria degli aspetti architettonici e paesistici destinati a mUtare entro poco tempo, a causa del nuovo assetto urbanistico della città stessa.
Nel 1834 venne nominato Accademico di Merito delle Classi di Architettura ed Ornato della Ligustica; nel 1847 professore aggiunto di disegno presso la stessa Accademia, incarico che abbandonò per passare all’insegnamento presso il Regio Collegio di Marina.
Dal 1850 partecipò, per un trentennio, a quasi tutte le Esposizioni della Promotrice Genovese.
Da una pittura iniziale di gusto ancora romantico e un po’ manieristico (es. il dipinto «Veduta presa dal vero», già collezione G. Gatti, Genova) passò ad un’ esecuzione dell’ opera assai più netta, più geometrica e più fedele al vero.
Esempio rappresentativo è l’album ‘’Aspetti di Genova e Riviera nella prima metà del secolo XIX”, donato dalla pronipote del pittore al Municipio di Genova.
Quindi prevale maggiormente l’immagine del Cambiaso vedutista anzichè paesista.
Pasquale Domenico Cambiaso eseguì numerosissimi disegni e acquarelli.
Ebbe tra i suoi allievi Oddone di Savoia, Laura Cambiaso Pellas, De Mari, G.B. Molinelli e Tammar Luxoro.
Sue opere si trovano presso la Galleria d’Arte Moderna di Genova Nervi, al Museo del Risorgimento, a Palazzo Rosso Gabinetto dei disegni e delle stampe, ad Imperia Pinacoteca Civica, al Museo di Sant’Agostino, Collezione Topografica del Comune.

Galleria