BERTOLOTTI CESARE-PITTORILIGURI.INFO

Brescia 1854 – 1932

Cesare Bertolotti pittore che ha operato in Liguria

Cesare Bertolotti frequentò l’Istituto Superiore di Belle Arti di Firenze, poi fu all’Accademia di Brera col Bertini e a Roma con il Maccari.
Espose a Roma nel 1882 e, da tale epoca, prese parte attiva al movimento artistico italiano, parteci­pando alle più importanti esposizioni.
Nel 1914, a Milano, vinse il premio Principe Umberto.
Fu affreschista, pittore di figura e di paesaggio. Merita particolare atten­zione la decorazione del Santuario delle Grazie a Brescia.
Già nel 1910 fu presente in Liguria e il quadro,” L’ultimo villaggio” fu acquistato dalla Società di Belle Arti di Genova.
Da Brescia mandava i suoi quadri a tutte le mostre più importanti: a Roma (ottenne successi nel 1883, alla prima Esposizione internazionale con il Portale di S. Fermo a Verona), a Torino (nel 1900 la Società promotrice delle Belle Arti acquistò Un bacio al sole), a Venezia (cfr. cataloghi delle Biennali VII-X), a Milano (nel 1911 espose alla Permanente “Gli spasimi delle piante”, Milano Gall. d‘arte moderna; nel 1915 vinse il premio principe Umberto con “Nella solenne tranquillità dei monti”)
Nello stesso anno la Regina Margherita acquistò “Il sole fra i larici” .
Negli anni ’30 fu attivo a Sanremo, dove eseguì numerosi quadri di paesaggio guadagnandosi la fama di artista aristocratico, per l’intensità e la delicatezza di colore, bene espressa nel dipinto “Il parco dell’Hotel Bellevue”, dove un’evanescente luminosità, che filtra attraverso le palme, crea una visione carica di emotività e poesia.
Cesare Bertolotti fu tra i fondatori del circolo artistico “Arte in Famiglia” (sciolto nel 1930). Espose: a Roma (ottenne successi nel 1883, alla prima Esposizione internazionale con il “Portale di S. Fermo a Verona”), a Torino (nel 1900 la Società promotrice delle Belle Arti acquistò “Un bacio al sole”), a Venezia alle VII-X Biennale, a Milano (nel 1911 espose alla Permanente “Gli spasimi delle piante”, Milano Galleria. d’arte moderna; nel 1915 vinse il premio principe Umberto con “Nella solenne tranquillità dei monti”.

2008

Galleria