SALIETTI ALBERTO

salietti-alberto-1927.JPG

Ravenna 1892 – Chiavari (GE) 1961 

Salietti Alberto pittore che ha operato in Liguria

Pittore, incisore e affreschista. Allievo del padre (pittore murale) seguì la famiglia a Milano nel 1904, dove frequentò l’Accademia di Brera fino al 1914.
Dopo la parentesi del primo conflitto mondiale, riprese a dipingere esponendo alla Biennale di Venezia del 1920 e partecipando, nel 1922, ad una mostra collettiva organizzata a Milano con i pittori Funi, Oppi, Dudreville, Tosi e Malerba.
Dopo la Biennale veneziana del 1924 Salietti entrò a far parte del movimento “Novecento Italiano”, organizzato da Margherita Sarfatti. Nel 1925 divenne Segretario del movimento, probabilmente, per la cura e la precisione mostrata nei rapporti con gli artisti e i critici, con le varie gallerie e con le autorità nazionali. Partecipò alla “Prima mostra del Novecento italiano”, nel 1926, a Milano.
L’anno dopo fu tra i fondatori del “Gruppo dei sette pittori moderni” insieme a Funi, Sironi, Tosi, Carrà, Marussig e Bernasconi. Negli anni Venti, Salietti scoprì Chiavari e se ne innamorò. La prima opera qui eseguita risale al 1921 e raffigura il caratteristico quartiere degli scogli, zona che era abitata da pescatori e da operai del vicino Cantiere Navale.
La presenza di Salietti a Chiavari attirò numerosi altri artisti. Carrà, a Moneglia, dipinse due opere di notevole importanza: “Il pino sul mare” e “Marina a Moneglia”.
In questa parte di riviera operarono anche Funi, Bucci, Sironi, Tosi (che soggiornò a Zoagli).Salietti partecipò a numerosissime Esposizioni sia nazionali che internazionali: la Mostra di Barcellona del 1929; l’Esposizione Mondiale di Parigi nel 1937; la II e III Quadriennale di Roma; la XXIII Biennale veneziana del 1942, dove ottenne il Gran Premio per la pittura; il Premio Marzotto nel 1955 e 1956; la XXII Biennale d’Arte alla permanente di Milano, nel 1961. Nel 1933 fu nominato membro corrispondente della “Wienner Secession” e dal 1933 al 1936 fece parte del Consiglio Superiore per le Antichità e Belle Arti di Roma.Nel 1949 ottenne la nomina di Accademico di Merito alla ligustica, classe di pittura. Fu pittore paesaggista, ritrattista e naturamortista, legato alle tematiche del Novecento alle quali pervenne attraverso esperienze secessioniste e tramite lo studio approfondito della pittura classica italiana (Giotto, Masaccio).
Successivamente, attraverso il recupero della lezione impressionista, diede vita, insieme al pittore Arturo Tosi, alla corrente naturalista del Novecento.
Nel 1941 si trasferl defÌnitivamente a Chiavari. Sue opere presso la Galleria d’Arte Moderna di Genova, Milano, Roma, Firenze, Torino, Piacenza, Verona. Numerose sue opere anche all’estero. Museo di Cleveland (USA), Montevideo, Mosca, Parigi, Zurigo, Monaco.
Gli furono dedicate numerose mostre, fra le quali ricordiamo quella del 1964, a Milano, Palazzo della Permanente. Sempre a Milano, nel 1967, alla galleria Gian Ferrari. Nel 1972, a Chiavari, venne organizzata una mostra postuma a Palazzo Torriglia.

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

info icona

Informazioni gratuite

Richiedi informazioni su pittori ed opere dell '800 e '900 ligure.

icona valutazioni

Autenticazioni

Richiedici una Autentica del dipinto

Protected by Copyscape Web Plagiarism Detector
eiro icona

Vendite

La nostra esperienza per una vendita sicura e vantaggiosa