Genova 1856 – 1928

 

 

 

Antonio Orazio Quinzio pittore ligure

 

 

 

Nato a in una famiglia di pittori, acquisì dal padre, Giovanni, studente e poi insegnante all’Accademia Ligustica di Bella Arti di Genova quelli che furono i primi rudimenti dell’arte pittorica ai quali seguì un perfezionamento sia a Genova sempre in senoall’Accademia, ma anche a Firenze e Roma.
Fu prevalentemente frescante anche se si conoscono alcune sue opere ad olio.
Opere nella tecnica dell’affresco: da ricordare gli episodi della storia genovese dipinti nel salone della Banca d’Italia a Genova e la Madonna del Soccorso nella cupola della chiesa di San Bartolomeo della Ginestra a Sestri Levante.
Fu anche valente scultore, tra le sue opere: la statua allegorica della regione Liguria ubicata sul coronamento del sommoportico, in corrispondenza delle colonne del Vittoriano nella Capitale e le quattro statue raffiguranti gli Evangelisti collocate a Rapallo (Ge) presso i pilastri della Parrocchiale dei SS. Gervasio e Protasio.