ferrario.JPG

 

Genova 1876 – 1957

 

Ferrario Linda pittore ligure

 

 

Si dedica ben presto all’attività artistica, allieva del padre Luigi, di Cesare Viazzi, di Angelo Costa e di Giuseppe Sacheri.
È proprio in famiglia che apprende i primi rudimenti, dal padre Luigi, bravo pittore e decoratore della volta del teatro Carlo Felice.
Pittrice di grande talento, si dedica prevalentemente al paesaggio ligure: marina, vedute portuali, vedute di riviera ma si applica, anche, all’esecuzione di nature morte e soggetti floreali.
La sua arte è vicina ai movimenti artistici del novecento italiano; organizza numerose mostre personali a Genova, Roma, Milano, Firenze. Interviene, presentando numerose opere, alle Promotrici genovesi.
Nel 1922 viene eletta Accademica di Merito, classe pittura, all’Accademia
Ligustica di Belle Arti.
La troviamo, anche, alla “Esposizione d’Arti Figurative”, nel Ridotto del Teatro Carlo Felice, a Genova, nel quadro delle celebrazioni dei grandi liguri, nel 1938
.
Espone inoltre alla III mostra Arte del Mare a Genova e compie numerosi viaggi all’estero.
Ricordiamo la sua partecipazione alla rassegna “Pittori e Scultori di Liguria” a Montevideo (Uruguay).
In precedenza, nel 1926, la Società Promotrice di Genova le aveva dedicato una sala
personale con ben cinquantadue opere, rappresentanti, la sua migliore produzione.
Artista molto sensibile, portata ad interpretare, con sentimento, la natura dal vero, è anche dotata di una solida tecnica.
Morì nel 1957 a causa di un incidente stradale.
Sue opere sono conservate nella G.A.M. di Genova.