FABBRI AGENORE

 

FABBRI AGENORE 2-PITTORILIGURI.INFO

Pistoia 1911 – Savona 1998

Fabbri Agenore pittore e scultore che ha operato in Liguria

Formatosi a Pistoia si trasferì nel 1935 in Liguria dove fu tra protagonisti del principali movimenti di rinnovamento espressivo in Italia.
Ad Albissola, in rapporto con Fontana, Tullio d’Albisola, Il gruppo CoBrA, Lam e Rossello, la sua personalità andò via via definendosi con sicurezza attorno tematica esistenziale i cui termini emblematici risultarono ­essere l’urlo, la ferocia umana, la rabbia, la lotta.

Dalla terracotta al bronzo i materiali stessi si sono fatti pertanto espressionisticamente carico del significati e del messaggio.

Grandi mostre, le Biennali veneziane e le Quadriennali roma­ne ed all’estero, particolarmente a New York, premi, commesse pubbliche e riconoscimenti prestigiosi non hanno distorto il suo impegno, anche sperimentale, concentrato sul­le forme, sulle estreme possibilità evocative della luce e del movimento.. Dalle opere Iniziali, influenzate da Martini ed improntate ad un realismo di fondo, a partire dal 1943 e per tutto il dopoguerra, si è successivamente indirizzato verso un dichiarato realismo espressionista, accentuato dalla dramma­tizzazione della materia sulla quale sovente è intervenuto con colorazioni, bruciature e abrasioni inquietanti.

Nel 1943 prende parte all’attività della Resistenza in Liguria.
Dopo la liberazione si trasferisce definitivamente a Milano.
I suoi soggetti preferiti sono uomini sofferenti, animali, lotte tra animali e uomini; segnato profondamente dalle atrocità belliche, esprime nelle opere del dopoguerra la tragicità del mondo contemporaneo attraverso un linguaggio realista-espressionista.
Dopo una breve parentesi informale-astratta (fine anni Cinquanta) è tornato ad un figurativo che non ha evitato ma, anzi, ha mobilitato ­ulteriormente la tensione drammatica.

Dell’artista vanno ricordati inoltre gli accessi all’attività incisoria nonché a quella pittorica che ha caratterizzato soprattutto gli ultimi anni del suo lavoro.
Dal 1940, anno di esordio alla milanese Galleria Gian Ferrari, ha tenuto una trentina di significative personali. Nel 1999 la Piccola Galleria di Savona e, nel 2000 il Centro Balestrini di Albissola Marina hanno ricordato l’artista con importanti retrospettive, inoltre, nel 2010, la Pinacoteca Civica di Palazzo Gavotti, Savona, ha presentato un’ampia antologica.

 

 

info icona

Informazioni gratuite

Richiedi informazioni su pittori ed opere dell '800 e '900 ligure.

icona valutazioni

Autenticazioni

Richiedici una Autentica del dipinto

Protected by Copyscape Web Plagiarism Detector
eiro icona

Vendite

La nostra esperienza per una vendita sicura e vantaggiosa