CARLONE GIO ANDREA

 

Gio Andrea Carlone

Genova 1639 – 1697

Nasce nel 1639 a Genova da G.B. Carlone.
Per le notizie biografiche, un quadro d’assieme e la bibliografia P. Costa Calcagno, voce G.A. Carlone in Dizionario Biografico degli Italiani, XX, 1978. Dapprima educato alla pittura da] padre, va poi a Roma a studiare sotto la guida del Maratta. Rimastovi per alcuni anni, torna a Genova, poi va ancora a Roma, Napoli, Mes­sina, Palermo: indi soggiorna a Venezia, Padova, Ferrara, Bologna, Modena, Parma, Piacenza. Tra 1673-8 eseguì gli affreschi con le Storie di San Francesco Saverio nella Cap­pella Negroni, Roma, Chiesa del Gesù .
A Roma viene accolto all’Accademia di San Luca ( Soprani-Ratti).

Tra 1674- 77 porta a compimento la Fascia decorativa della Sala Verde di Palazzo Altieri, Roma. Nel 1678, rientra a Ge­nova, nello stesso anno gli sono ordinati i quadri per la cap­pella Gentile alla Nunziata, Genova (Incontro di Maria con Elisabetta, Presentazione di Marza al Tempio, due quadri con i Profeti) (

AI 1688 è docu­mentata la pala con il Bambino Gesù che appare a San Filip­po Neri, Spotorno, Parrocchiale, C. Chilosi, 1983, pp. 78­79. Nuovamente a Roma, riceve ne] 1680 un pagamento dagli Altieri. L’attività in Umbria, che si alterna a quella romana e in parte a quella genovese, è stata puntualizzata da G. Biavati, 1974 e ulteriormente da L. Barroero-V. Casale-G. Falcidia-F. Pansecchi-B. Tosca­no, 1980. A Perugia il pittore lavora, agli affreschi della Chiesa del Gesù, 1656, della Chiesa nuova dei Filippini, 1668-69, della Chie­sa di Sant’Ercolano, 1680. Agli inizi dell’ottavo decennio sono riferiti il complesso delle tele e degli affreschi della cap­pella del Sacramento del Duomo di Assisi  e gli affreschi della Villa Clio-Carpello nei pressi di Foligno. Prima del 1689 dipinge per Cristina di Svezia i quadri (Il Pa­dreterno, Davide, Una Sibilla) della cappella di San Giusep­pe, Pantheon, Roma.
Rientrato a Genova (vi è già nel 1689) affresca la cappella Senarega, Cattedrale, Genova.
Negli anni 1691-92 dipinge due stanze ad affresco (Età dell’uomo, Arti liberali) nel Palazzo Brignole (Rosso). Ne] 1694-96 circa esegue ad affresco le tre sovrapporte della Galleria della cappella di Palazzo Durazzo (ex Reale), Genova, con Ercole che incate­na Cerbero, Il Supplizio di Prometeo, il Supplizio di Tizio.
Nel 1697 muore a Genova. Le notizie sono desunte in gran parte dalle biografie, oltre a quelle sicure per documentazione o desumi­bili da altri elementi. Molto complesso l’iter culturale e ope­rativo dell’artista, dati i frequenti, continui spostamenti con la possibilità di acquisire varie sollecitazioni stilistiche. Ab­bastanza chiaro risulta il momento romano in cui l’artista esegue parecchie commissioni importanti. La vicenda umbra resta chiarita nel suo complesso, anche se le questioni attributive presentano ancora dei problemi

info icona

Informazioni gratuite

Richiedi informazioni su pittori ed opere dell '800 e '900 ligure.

icona valutazioni

Autenticazioni

Richiedici una Autentica del dipinto

Protected by Copyscape Web Plagiarism Detector
eiro icona

Vendite

La nostra esperienza per una vendita sicura e vantaggiosa