ACQUAVIVA GIOVANNI

ACQUAVIVA GIOVANNI-PITTORILIGURI.INFO

Marciana Marina (LI) 1913 – Milano 1971

 Acquaviva Giovanni pittore che ha operato in Liguria

Si lau­rea In giurisprudenza all’Università di Pisa e diviene magi­strato e giudice al tribunale di Milano

SI dedica, giovanissimo, all’illustrazione. mentre negli anni Trenta aderisce al cosiddetto Secondo futurismo. In quellambito partecipa a numerose rassegne, alle Quadriennali di Ro­ma e alle Biennali di Venezia del 1938 e del 1940.

Negli stessi anni collabora con Tullio d’Albisola come ce­ramista, pur senza abbandonare la sua passione per il di­segno (Illustra il “Poema del candore negro” di Farfa, pubblicato nel 1935 e il poema “Savona” di Luigi Penno­ne detto Lupe).

Di un certo rilievo la sua attività di ceramista Collabora dall’inizio degli anni Trenta con la manifattura CAS di Bartolomeo Rossi producendo interessanti ceramiche innovative sia nel­le forme che nei decori. Nel 1934 alcune sue opere sono espo­ste alla prima Mostra d’arte “Premio Città di Alassio”

Nel 1938 è presente con un vaso globulare, di ispirazione meccanica, alla mostra romana organizzata dall’Ente nazionale per l’ar­tigianato e le piccole imprese) Nel 1939 inizia la collaborazione con Tullio d’Albisola che lo chiama a collaborare con la fabbrica di maioliche MGA. Ne!lo stesso anno realizza Il famo­so servizio da tavola intitolato “Vita di Marinetti”

Così Filippo Tommaso Marinetti scriveva di Acquaviva: “Fra i più originali e ricchi di fantasia creatrice aeropittori futu­risti l’elbano Giovanni Acquaviva si distingue per la sua ti­pica sensibilità altrettanto incandescente e convulsa quan­to ossessionata di chiarificazione e precisione.
Scendevano con passo distratto e giocondo dalle polpe squisite di un frutteto a vasca d’acqua pieno di cielo e rondini dove si mi­ra e regna la poetessa Annaviva ed ecco sbizzarrirsi davan­ti a noi sopra le eroiche liguri batterie d’elastica eccentri­cità ascensionale dei naviganti fumi del porto carbonoso di Savona e insieme questo vasto sogno plastico di Acquaviva. Grande ingegno di magistrato aeropittore aeropoeta di­mostratosi capace di verbalizzare in modo bruciante alato e senza sbavature l’essenza del Futurismo e il suo poetico dinamismo italiano fra le filosofie”

Ha continuato a dipingere anche negli anni del dopo­guerra sempre vicino all’arte di avanguardia.

info icona

Informazioni gratuite

Richiedi informazioni su pittori ed opere dell '800 e '900 ligure.

icona valutazioni

Autenticazioni

Richiedici una Autentica del dipinto

Protected by Copyscape Web Plagiarism Detector
eiro icona

Vendite

La nostra esperienza per una vendita sicura e vantaggiosa