SI RITORNA AD INVESTIRE SULLA PITTURA DELL’OTTOCENTO – FRANCESCO HAYEZ “IL BACIO”

 

HAYEZ - IL BACIO

Quasi due milioni di dollari per un bacio: è la cifra sborsata da un ricco ed anonimo collezionista per portare a casa una delle cinque versioni (di cui una acquarello) di quello che forse è il più noto dipinto italiano dell’Ottocento: ‘Il Bacio’ di Francesco Hayez.
Il noto dipinto, già posseduto da nobili famiglie russe e greche, è andato venduto in asta da Christie’s a New York il 25 aprile per 1.865.000 $, ben oltre le stima di 700mila-1 milione basata sul risultato di un’altra versione del 1861 passata in asta da Sotheby’s a Londra nel 2008 per l’equivalente di 1,2 milioni di $.
La prima versione, ora conservata a Brera, risale al 1859, mentre quella passata di mano ora venne dipinta per l’Esposizione Universale di Parigi del 1867, dove fu acquisita dal Gran Duca Vladimir e successivamente passato a Elena di Russia, ed è stato di recente messo in mostra nelle Gallerie di Piazza Scala a Milano.
Nonostante il simbolismo patriottico del dipinto, determinato anche dai colori degli amanti, rispettivamente rappresentati la nascente Italia di Cavour e l’alleata Francia, sia oramai perso nel tempo, sembra rimanere forte l’attrazione per un dipinto talmente noto da essere forse persino abusato come simbolo dell’amore romantico.
Il mercato per le opere ottocentesche rimane comunque assai selettivo: il ricavo complessivo dell’asta si è fermato a 9,4 milioni di $ con solo 52 dipinti venduti sui 95 proposti, pari al 55% per numero ma 73% per valore, con ben due dipinti dalle stime milionarie invenduti, in particolare una marina del russo Aivazovsky (stima 1,2-1,8 milioni), ulteriore sintomo di disimpegno dei compratori russi, e uno dei due grandi nudi di Bouguereau proposti (stima 1-1,5 milioni), mentre il secondo ‘La Perle’ si è fermato alla stima bassa di 800mila $ (965mila $ con le commissioni). Stessa stima e stesso prezzo per una scena a cavallo dell’inglese Munnings, mentre un secondo lavoro dell’artista inglese ha superato le stime a 809mila $.
Diversi invenduti fra gli altri artisti italiani in catalogo, fra cui spicca un ritratto femminile di De Nittis (stima 200-300mila $), mentre due dipinti orientalisti di Alberto Pasini hanno trovato compratori verso le stime basse.
Buoni risultati per due grandi nomi della pittura francese, seppure con lavori minori: Gustave Courbet con un paesaggio passato di mano a 365mila $ e Corot con una scena paesana che ha sfiorato i 200mila $.
Hanno trovato buona accoglienza anche 4 dei 5 dipinti di velieri dell’accademico inglese Montague Dawson, con prezzi da 6mila a 120mila $.

info icona

Informazioni gratuite

Richiedi informazioni su pittori ed opere dell '800 e '900 ligure.

icona valutazioni

Autenticazioni

Richiedici una Autentica del dipinto

Protected by Copyscape Web Plagiarism Detector
eiro icona

Vendite

La nostra esperienza per una vendita sicura e vantaggiosa